PERCORSO :
 Storia  Il primo vero nostro progenitore.
  Arte
Attualita
Arte
Bolg
Blogs
Cinema
Costume
Economia
Edilizia aziende
Filosofia
Fitness
Geografia
Gossip
Hobbies
Informatica
Internet
Letteratura
Libri ed ebook
Meteo
Motori
Musica News
Oroscopo
Religione
Salute e Benessere
Scienze
Scuole
Sentimenti
Societa
Spettacoli
Sport
Storia
Tecnologia
Televisione
TveRadio
Umorismo
Viaggi
Directory
  Acquisti Online
Affari
Animali
Antiquariato
Arte
Arti Sceniche
Arti Visive
Casa
Computer
Consultazione
Danza
Fai da te
Giochi
Grande Fratello
Intrattenimento
Investimenti
Notizie
Salute
Scienza
Sport
Tempo Libero
 
 
 



Il primo vero nostro progenitore.ddddddd
http://www.articoligratis.comLe terre occupate dalla "razza" dell'uomo di Cro-Magnon erano dunque diffuse dalla Francia all'Italia, dall'Europa centrale fino, probabilmente, alle isole Canarie. Lo sviluppo del suo cervello e la posizione della mascella inferiore rendevano possibile l'evoluzione del linguaggio; la dentatura corrispondeva a quella dell'uomo attuale. La sua sistemazione nel tempo — nella preistoria — si pone verso la fase finale dell'ultima glaciazione, quando i grandi ghiacciai che avevano invaso l'Europa centrale e gran parte delle terre attorno alle Alpi e ai Pirenei cominciarono a ritirarsi. Significa stabilirgli una data fra 50 000 e 40 000 anni fa. Gli studi più recenti, assai approfonditi, hanno stabilito che c'erano variazioni abbastanza nette nel tipo fisico — come, del resto, ci sono all'interno di tutte le razze — ma la cultura era praticamente comune. Quei nostri antenati preistorici vivevano prevalentemente in vallate incassate, dove transitavano le grandi mandrie di bovini, cavalli selvatici, renne, per trasferirsi dai pascoli invernali a quelli estivi e viceversa. In alcuni periodi gli animali erano costretti a lunghe migrazioni alla ricerca di cibo a causa del clima artico che caratterizzava quest'ultima fase dell'era glaciale. Attraverso grandi cacce organizzate in comune, gli uomini si assicuravano provviste di cibo, che in alcune regioni venivano conservate in profonde fosse entro la terra ghiacciata, praticamente come fanno ancora oggi gli Eschimesi della Groenlandia e del Canada e come facevano, fino a poco tempo fa, i Lapponi della Scandinavia.

IL PRIMO, VERO, NOSTRO PROGENITORE
L'uomo di Cro-Magnon, che segue nel tempo l'uomo di Neanderthal, ponte di passaggio fra l'umanità "bruta" e l'umanità sapiens e, perciò, intelligente e artefice di innumerevoli tecniche, è quindi il nostro primo progenitore che può avere avuto gli stessi nostri pensieri, i nostri timori, il nostro amorevole rispetto per i bambini e per i vecchi. Tutto questo risulta evidente dalla cura con cui seppelliva i propri morti; dai rinvenimenti di teschi, sia umani sia animali in nicchie o in situazioni di rilievo che fanno pensare a riti "religiosi'; dal nascere dell'arte, che è un'esigenza spontanea dell'uomo che imita la natura che lo circonda, quasi un atto di creazione che lo innalza sulla folla apparentemente disordinata e anonima dei viventi. L'uomo di Cró-Magnon ha ricevuto la scintilla dell'intelligenza ed è, infine, uscito dalle grotte, a guardare la natura e il cielo stellato; ha capito certamente che il suo avvenire e la sua sopravvivenza potevano essere assicurati soltanto dalle sue forze e dalla sua capacità di affrontare la vita e di difendere il suo gruppo familiare.



Autore: http://www.articoligratis.com

Fonte dell'articolo



 






nuove sezioni di Articoligratis.com : Annunci Auto