PERCORSO :
 Arte  I gioieilli sono stati indossati per comunicare ricchezza e potere
  Arte
Attualita
Arte
Bolg
Blogs
Cinema
Costume
Economia
Edilizia aziende
Filosofia
Fitness
Geografia
Gossip
Hobbies
Informatica
Internet
Letteratura
Libri ed ebook
Meteo
Motori
Musica News
Oroscopo
Religione
Salute e Benessere
Scienze
Scuole
Sentimenti
Societa
Spettacoli
Sport
Storia
Tecnologia
Televisione
TveRadio
Umorismo
Viaggi
Directory
  Acquisti Online
Affari
Animali
Antiquariato
Arte
Arti Sceniche
Arti Visive
Casa
Computer
Consultazione
Danza
Fai da te
Giochi
Grande Fratello
Intrattenimento
Investimenti
Notizie
Salute
Scienza
Sport
Tempo Libero
 
 
 



I gioieilli sono stati indossati per comunicare ricchezza e potereddddddd
http://www.articoligratis.comCi sono stati periodi nella storia dell'abbi­gliamento in cui i gioielli erano più impor­tanti, dal punto di vista della moda, dei vestiti stessi. All'epoca degli antichi egizi, per esempio, donne e uomini indossavano tuniche semplicissime, adornate però da monili e collane molto elaborati, a cui era­no affidate tutte le funzioni di comunica­zione sociale che noi attribuiamo oggi a una pelliccia di visone o a un golf di cachemere: dal recare messaggi estetici all'i­dentificare il rango di chi li porta. Del re­sto, anche nel recente passato i gioielli hanno avuto una funzione importantissi­ma nel definire a colpo d'occhio lo status sociale di una persona: colliers di pietre preziose, anelli d'oro e parures di brillanti comunicavano immediatamente la ricchez­za e il potere di chi li indossava.

Anche in questo campo, tuttavia, ora le cose sono abbastanza cambiate. Non che un anello con un rubino possa passare inosservato visto che costa più o meno co­me un miniappartamento in centro; ma non è più co^l "necessario" come in pas­sato ostentare la propria disponibilità di denaro attraverso i gioielli, che per fortu­na sono ritornati a essere semplici accesso-ri, al servizio della bellezza e dell'eleganza. È per questo che la distinzione tra gioielli veri e bijoux non è più così marcata: se una collana è bella, di buon gusto, se sta bene su un certo vestito e illumina il viso, poco importa se sia d'oro e brillanti o d'argento e pietre dure. Spesso poi i gioiel­li cosiddetti "falsi" sono talmente studiati nel design, creati da famosi stilisti e a loro modo preziosi, che il prezzo non è affatto inferiore rispetto a quello dei gioielli "autentici". Nella scelta è meglio comun­que orientarsi verso gioielli veri, magari molto semplici, o bijoux che siano dichia­ratamente tali: le imitazioni sono sempre di cattivo gusto. Meglio quindi un paio di orecchini d'argento che uno di falso oro e false perle, a meno che si tratti di un og­getto spiritoso e talmente grande da de­nunciare a prima vista la sua natura "finta".

Una buona regola per scegliere gioielli e bijoux da indossare è non mischiare mai cose vere e cose fantasia. Meglio poi pun- tare su una sola parte del corpo, evitando di disseminarsi di cose luccicanti dalla te­sta ai piedi: anelli più bracciali e collana più orecchini, ma non tutto quanto insie­me. Non è più necessario usare parures uguali, ma si possono accostare con gusto pezzi diversi. Non è nemmeno detto che non si possa accostare oro con argento: esistono addirittura bracciali e altri pezzi di oreficeria in cui i due metalli sono usati contemporaneamente con un effetto cro­matico tutt'altro che spiacevole. Si può quindi abbinare un bracciale d'argento, magari acquistato in un viaggio, con sem­plici cerchietti d'oro allo stesso polso. Sempre a proposito di abbinamenti, non si dimentichi infine che i gioielli simbolici, come la fede nuziale, l'anello di fidanza­mento o quello di famiglia, hanno, dal punto di vista estetico, un valore neutro, visto che si portano sempre: a meno che si tratti di oggetti particolarmente vistosi, quindi, non danno problemi di acco­stamento.

Nella scelta delle pietre colorate esistono regole, di origine orientale, che associano le varie pietre a punti del corpo e, anche per chi non creda ai valori magici che stanno dietro a queste norme, esse posso­no comunque funzionare come indicazioni di buon gusto Il rubino, per esempio, che rappresenta il sangue, il cuore, il fuoco al centro della terra, non dovrebbe mai essere portato al dito, in una posizione decentrata: meglio come pendente di una collana, al centro del petto. Topazio e acquamarina, invece, vanno benissimo per le dita, avendo la funzione simbolica di riflettere un pezzo di cielo anche quando si abbassano gli occhi.

Quanto alle perle, essendo una cosa viva, devono trovarsi sempre il più vicino possi­bile al corpo di chi le indossa, per prender­ne il calore: niente montature complicate, quindi, per gli orecchini, mentre saranno perfette le collane a girocollo.



Autore: http://www.articoligratis.com

Fonte dell'articolo



 






nuove sezioni di Articoligratis.com : Annunci Auto