PERCORSO :
 Geografia  Chianti e Chianti Classico a confronto
  Arte
Attualita
Arte
Bolg
Blogs
Cinema
Costume
Economia
Edilizia aziende
Filosofia
Fitness
Geografia
Gossip
Hobbies
Informatica
Internet
Letteratura
Libri ed ebook
Meteo
Motori
Musica News
Oroscopo
Religione
Salute e Benessere
Scienze
Scuole
Sentimenti
Societa
Spettacoli
Sport
Storia
Tecnologia
Televisione
TveRadio
Umorismo
Viaggi
Directory
  Acquisti Online
Affari
Animali
Antiquariato
Arte
Arti Sceniche
Arti Visive
Casa
Computer
Consultazione
Danza
Fai da te
Giochi
Grande Fratello
Intrattenimento
Investimenti
Notizie
Salute
Scienza
Sport
Tempo Libero
 
 
 



Chianti e Chianti Classico a confrontoddddddd
MontefioralleE’ opinione diffusa tra i consumatori di vino meno esperti che un vino DOCG “Chianti” e un vino DOCG “Chianti Classico” siano la stessa cosa.

Niente di più sbagliato!

Il Consorzio del Chianti Classico impone ai suoi produttori regole molto più severe inserite nel proprio disciplinare rispetto ai produttori di vino “Chianti”, analizziamo le differenze:

Territorio: Il vino Chianti Classico viene prodotto esclusivamente nei confini del territorio omonimo, mentre i produttori di vino Chianti possono farlo anche al di fuori di tali confini fino a comprendere zone delle province toscane di Firenze, Siena, Arezzo, Pisa, Pistoia e Prato.

Uvaggio: Mentre per il vino Chianti Classico è previsto il solo utilizzo di uve nere, con un base minima di Sangiovese (l’uva tipica del territorio del Chianti) pari all’80%, per il vino Chianti è possibile anche l’utilizzo di uve bianche come Malvasia e Trebbiano in aggiunta alla base minima di Sangiovese che in questo caso è del 75%.

Standard di qualità: Senza soffermarsi sui dettagli è importante sapere che il disciplinare del Consorzio del Chianti Classico è decisamente più rigido e restrittivo su tutti gli aspetti che possono influire sulla qualità del vino, a cominciare, per esempio, dalla “resa massima di uva per ettaro di vigneto” che per il Chianti Classico non può superare i 75 quintali per ettaro, mentre ai produttori di vino Chianti è consentita anche una resa di 90 quintali per ettaro.

In definitiva la politica del Consorzio del Chianti Classico (soprattutto negli ultimi anni) è quella di salvaguardare la qualità del vino a discapito della quantità, tutto questo anche a causa del crescente numero di vini di ottima qualità nel resto del mondo. Inoltre vi è un ulteriore scopo come quello di salvaguardare gli aspetti di qualità specifici del territorio, che rendono distintivi i prodotti del del Gallo Nero. In questi termini oltre al Vino Chianti Classico possiamo ricordare il Vin Santo o l’ Olio.



Autore: Montefioralle

Fonte dell'articolo



 






nuove sezioni di Articoligratis.com : Annunci Auto