PERCORSO :
 
  Arte
Attualita
Arte
Bolg
Blogs
Cinema
Costume
Economia
Edilizia aziende
Filosofia
Fitness
Geografia
Gossip
Hobbies
Informatica
Internet
Letteratura
Libri ed ebook
Meteo
Motori
Musica News
Oroscopo
Religione
Salute e Benessere
Scienze
Scuole
Sentimenti
Societa
Spettacoli
Sport
Storia
Tecnologia
Televisione
TveRadio
Umorismo
Viaggi
Directory
  Acquisti Online
Affari
Animali
Antiquariato
Arte
Arti Sceniche
Arti Visive
Casa
Computer
Consultazione
Danza
Fai da te
Giochi
Grande Fratello
Intrattenimento
Investimenti
Notizie
Salute
Scienza
Sport
Tempo Libero
 
 
 


DSL: disturbi specifici del linguaggio
“Nostro figlio parla male, solo noi riusciamo a capirlo e spesso neppure noi. Eppure abbiamo fatto tutti gli accertamenti medici e ci han detto che va tutto bene”. Molti genitori si potrebbero ritrovare in questa citazione, e questo significa che il loro bimbo potrebbe presentare un disturbo del linguaggio. Cosa sono i disturbi specifici del linguaggio Il disturbo del linguaggio è una circostanza assai comune nei bimbi in età prescolare ed è tanto da essere i disturbi neuropsichici con la maggior incidenza che possono esprimersi in maniera specifica (DSL) oppure possono essere la manifestazione secondaria ad altre patologie sensoriali, cognitivi e relazionali. Sviluppo del linguaggio nel bambino Il linguaggio non si sviluppa per ciascuno nello stesso modo, ma è influenzato da fattori fisiologici, ambientali e da eventi che accadono nella storia dei bimbi. La presenza di otiti ricorrenti, di frenulo linguale corto, ad esempio, possono determinare, rispettivamente, un minor sviluppo della componente ricettiva e un alterato pattern di realizzazione fonologica. Nel caso di frenulo linguale corto possono determinarsi alterazioni dell’equilibrio muscolare orofacciale che debbono essere prontamente trattate. L’essere inserito in un ambiente familiare linguisticamente stimolante rappresenta un fattore positivo nell’acquisizione del linguaggio e viceversa un contesto che lo è poco potrebbe determinare un rallentamento nell’acquisizione fonologica iniziale e successivamente lessicale e morfosintattica. DSL: comparsa ed espressione Esistono dei bimbi che pur non seguendo le tappe dello sviluppo verbale tipico, vedono poi un'impennata della loro curva di apprendimento che si adegua alla norma in un periodo appena successivo: questi bimbo sono detti late talkers. I late talkers sono quei bambini che sviluppano il linguaggio tra i 24 e i 36 mesi in assenza di deficit sensoriali, cognitivi, relazionali (Rescorla e Alley 2001). Di norma ai 24MM il bimbo ha un vocabolario espressivo che va da 80 a 500 parole, mentre i late talkers sono sotto alle 50. Inoltre non creano combinazioni di frasi, permanendo nell’olofrase e nell’utilizzo del gesto in funzione della parola. Fattori di rischio per lo sviluppo di un DSL Oltre ai fattori di rischio linguistici indicati in Tabella 1, esistono anche fattori di ordine fisiologico, come il sesso, la presenza di otiti ricorrenti e sociale, come l’esposizione ad un ambiente linguistico che non risulti stimolante per l’apprendimento verbale. Un disordine linguistico rappresenta sempre un fattore di rischio per lo sviluppo cognitivo e psico‑ affettivo del bambino data la sua funzione di mediazione e integrazione della vita mentale che il linguaggio svolge fin dalle prime fasi della sua acquisizione (Beitchman 1996). La diagnosi La diagnosi di DSL è basata essenzialmente su criteri di esclusione che permettono di affermare che il problema di linguaggio non sia legato dalla presenza di condizioni patologiche. Non vi deve essere quindi una storia di otiti ricorrenti o altre patologie uditive. Altresì non debbono esservi disfunzioni neurologiche quali paralisi cerebrali infantili, epilessia. L’apparato fono‑articolatorio non deve presentare anomalie strutturali e la motricità oro‑bucco‑facciale deve essere nella norma. Le abilità linguistiche del bambino devono essere significativamente sotto la media della sua età (< 1,5 deviazioni standard). Il Quoziente intellettivo deve essere maggiore o uguale a 85. Non devono esservi importanti disturbi della vita di relazione sociale (Leonard et al. 1992). Trattamento Il trattamento è di natura esclusivamente logopedica. La terapia vede l’applicazione contemporanea alcuni ambiti parimento coinvolti nell’acquisizione del linguaggio: ambito percettivo: il miglioramento della percezione dei fonemi consente la loro comprensione come elementi distintivi; ambito motorio; ambito cognitivo-linguistico .


Autore: janstilo

Fonte dell'articolo



 






nuove sezioni di Articoligratis.com : Annunci Auto