PERCORSO :
 
  Arte
Attualita
Arte
Bolg
Blogs
Cinema
Costume
Economia
Edilizia aziende
Filosofia
Fitness
Geografia
Gossip
Hobbies
Informatica
Internet
Letteratura
Libri ed ebook
Meteo
Motori
Musica News
Oroscopo
Religione
Salute e Benessere
Scienze
Scuole
Sentimenti
Societa
Spettacoli
Sport
Storia
Tecnologia
Televisione
TveRadio
Umorismo
Viaggi
Directory
  Acquisti Online
Affari
Animali
Antiquariato
Arte
Arti Sceniche
Arti Visive
Casa
Computer
Consultazione
Danza
Fai da te
Giochi
Grande Fratello
Intrattenimento
Investimenti
Notizie
Salute
Scienza
Sport
Tempo Libero
 
 
 


ATTO DI INDIRIZZO PER L’ACN DELLA MEDICINA GENERALE
APPUNTAMENTO IN SISAC Angelo Testa I sindacati devono essere uniti per condividere un modello nazionale forte di cure territoriali e frenare le fughe in avanti delle regioni. Pericoloso il pagamento al raggiungimento di obiettivo che potrebbe risultare irragiungibile Roma 31 luglio 2017- Angelo Testa, presidente nazionale dello SNAMI, interviene dopo che è stato aggiornato l’atto di indirizzo per il rinnovo della medicina convenzionata Questa ultima parte ad integrazione e completamento del precedente atto, anche per le novità sui Lea, sulle cronicità ed il piano vaccinale, può rappresentare la base per riaprire le trattative con la Sisac per il rinnovo dell’ACN. Fondamentali sono due aspetti che avevamo auspicato e richiesto con forza: quello economico, atteso da anni, anche se le risorse messe a disposizione risultano inadeguate e quello di aver preso formalmente atto della carenza di medici nel prossimo futuro per i progressivi pensionamenti che deve portare, lo sosteniamo da anni, all’aumento delle borse di formazione e ad un “progetto straordinario per le giovani generazioni” di inserimento nel mondo del lavoro. Ovviamente positivo su tutto è che si torna a trattare per cercare di arginare le fughe in avanti di alcune regioni che vorrebbero stravolgere la medicina territoriale. Alcune pressano perché si facciano accordi stralcio integrativi da subito senza una normativa di riferimento, altre come la Lombardia organizzano un sistema sanitario locale in cui entrano, per gestire la cronicità, ogni tipo di provider, escludendo di fatto la medicina generale. Non ci piacciono in questo atto di indirizzo conclude il leader dello Snami le premialità per alcune componenti della nostra retribuzione. Non c’è un’avversione pregiudiziale a questo genere di percorsi ma abbiamo il fondato sospetto che potrebbero essere posti in essere degli obiettivi irragiungibili e trattarsi di fatto di una decurtazione di parte dei nostri emolumenti.


Autore: Antonino Grillo

Fonte dell'articolo



 






nuove sezioni di Articoligratis.com : Annunci Auto