PERCORSO :
 
  Arte
Attualita
Arte
Bolg
Blogs
Cinema
Costume
Economia
Edilizia aziende
Filosofia
Fitness
Geografia
Gossip
Hobbies
Informatica
Internet
Letteratura
Libri ed ebook
Meteo
Motori
Musica News
Oroscopo
Religione
Salute e Benessere
Scienze
Scuole
Sentimenti
Societa
Spettacoli
Sport
Storia
Tecnologia
Televisione
TveRadio
Umorismo
Viaggi
Directory
  Acquisti Online
Affari
Animali
Antiquariato
Arte
Arti Sceniche
Arti Visive
Casa
Computer
Consultazione
Danza
Fai da te
Giochi
Grande Fratello
Intrattenimento
Investimenti
Notizie
Salute
Scienza
Sport
Tempo Libero
 
 
 


Amanda Lear a Venezia con le sue opere nel “Milano Art Gallery” pavillion
L'esclusivo contesto veneziano del "Milano Art Gallery Pavillion" in Calle dei Cerchieri 1270, zona Dorsoduro, è la location ospitante dell'attesissima mostra personale di Amanda Lear dal titolo "Passioni", inaugurata con grande successo il 13 giugno, che rimarrà allestita fino al 14 luglio, con la gestione organizzativa del manager della cultura Salvo Nugnes, presidente di "Spoleto Arte". In esposizione una corposa carrellata di suggestivi dipinti appartenenti alla vulcanica Lear, personalità spumeggiante di fama internazionale, dallo spiccato talento e dal vivace spirito d'inventiva, che si ispira a tematiche eterogenee e molto stimolanti nella chiave interpretativa. Vittorio Sgarbi di lei ha dichiarato: “È una figura interessante nel mondo dell'arte, direi che il suo stile si avvicina alla transavanguardia, ne è un'anticipazione. Potrei trovare delle similitudini con Sandro Chia. Anche il messaggio legato all'arteterapia e alla cromoterapia, sul quale lei rimarca, mi sembra interessante". Philippe Daverio, nel raccontare l'amicizia che lo lega da lunga data alla Lear, ha spiegato: "La cara Amanda è diventata veramente grande ed ha vissuto in modo particolare. La conosco molto bene, perché veniva da me in galleria ancora 30 anni fa e la sua arte, così originale e spiritosa, corrisponde appieno con la sua persona e la sua singolare e frenetica vita. È un personaggio molto creativo e molto alternativo". Giordano Bruno Guerri invece ha evidenziato: "L'influenza di un mentore e pigmalione eccelso come Salvador Dalì è indiscutibile. Per me sono stati una coppia esemplare, perfetti nel loro equilibrio di artisti creativi. Potrei dire, che sono stati una coppia a modello appartenente a quel filone di storie d'amore sempre speciali e mai banali. Immagino, che Dalì ovunque si trovi, sia pienamente soddisfatto e compiaciuto della sua musa e dell'importante percorso".


Autore: ufficio-stampa

Fonte dell'articolo



 






nuove sezioni di Articoligratis.com : Annunci Auto