PERCORSO :
  Root Acquisti Online Animali Rettili e Anfibi
  Arte
Attualita
Arte
Bolg
Blogs
Cinema
Costume
Economia
Edilizia aziende
Filosofia
Fitness
Geografia
Gossip
Hobbies
Informatica
Internet
Letteratura
Libri ed ebook
Meteo
Motori
Musica News
Oroscopo
Religione
Salute e Benessere
Scienze
Scuole
Sentimenti
Societa
Spettacoli
Sport
Storia
Tecnologia
Televisione
TveRadio
Umorismo
Viaggi
Directory
  Acquisti Online
Affari
Animali
Antiquariato
Arte
Arti Sceniche
Arti Visive
Casa
Computer
Consultazione
Danza
Fai da te
Giochi
Grande Fratello
Intrattenimento
Investimenti
Notizie
Salute
Scienza
Sport
Tempo Libero
 
 
 


Descrizione della categoria Rettili e Anfibi:
In questa Categoria vengono accettati siti in lingua italiana che trattano argomenti legati a Rettili e Anfibi
>>Segnala un sito in questa categoria<<



Lista dei siti presenti in questa categoria :
/
La rana
Piccolo animale vertebrato, appartenente alla famiglia dei ranidi, alla classe degli anfibi, ed all'ordine degli anuri. Non ha coda; il suo corpo è coperto drana pelle molto liscia; le gambe anteriori, brevi, sono fornite di quattro dita, quelle posteriori, più lunghe, hanno cinque dita. Ha attitudine al salto ed al nuoto La bocca, con larga apertura, è provvista di denti solamente nella mascella superiore, e la lingua, bifida all'estremità posteriore è protrattile ed usata per afferrare la preda. Ha grossi occhi sporgenti, ed il timpano scoperto. Sprovviste di coste e di diaframma, le r adulte respirano per le narici, a bocca chiusa, abbassando ed innalzando la base della cavità orale, con : due polmoni semplici a sacco; non hanno trachea alla laringe. Le rana giovani respirano per branchie. Le r depongono le uova in ammassi mucillaginosi galleggianti, che il maschio feconda. Dall'uovo nasce la larva, che poi si trasforma in girino o botolo, con piccolo corpo rotondo, bocca circolare munita di becco, senza zampe; per nuotare si serve della coda lunga ed appiattita lateralmente e la sua respirazione, dapprima acquatica, avviene a mezzo di un ciuffo di branchie al lato del collo. Attraverso una nota ed interessante metamorfosi, il girino diventa rana: a poco a poco nascono le zampe posteriori, indi le anteriori, sparisce la coda; nella bocca spuntano i denti; si formano i polmoni e la respirazione diventa aerea; dapprima erbivoro, il girino trasformato in rana diventa insettivoro. Dopo il letargo invernale, che trascorrono affondate nella melma, le rana si svegliano a primavera. Soltanto il maschio gracida, gonfiando due sacchi laringei che escono da due fessure nel collo. Respirano anche sott'acqua a mezzo dei pori della pelle. Sono utilissime all'agricoltura, distruggendo gran numero di insetti. La carne delle rana è commestibile. La rana esculenta {rana verde e comune) è là più conosciuta. Nella parte superiore è verde con macchie gialle o brune, nella parte inferiore è bianca. Vive quasi sempre nell'acqua. La rana temporaria (rana rossa) allo stadio adulto abbandona l'acqua e vive generalmente nei prati di montagna. È molto agile al salto, di color rossiccio, con due fasce nere ai lati della testa. La rana castesbeiana (rana toro) è famosa per le sue straordinarie caratteristiche. Vive nell'America del N ma anche da noi, è lunga circa 20 cm e fa salti di tré o quattro metri. Si nutre di uccelli acquatici e di piccoli pesci. La sua voce è così sonora che ricorda il muggito del bue. • Magia e mitologia. Largamente impiegate nelle pratiche magiche, le rana, in quanto animali acquatici, sono considerate custodi della pioggia e hanno quindi una parte ,di primo piano in molti rituali e pratiche magiche destinate a favorire la pioggia. Queste pratiche erano un tempo diffuse in ogni parte del mondo. Europa compresa, dove, nel medioevo e anche in tempi più recenti, era usanza comune squarciare le rana per provocare la pioggia. Una particolare considerazione per le rana si riscontra fra gli Indiani d'America, tanto che le tribù dell'Orinoco giungevano a considerare il rospo come una vera e propria divinità delle acque. In passato, con le rana o con la loro pelle, si eseguivano vari incantesimi, in particolare contro il dolore e le malattie che si credeva di poter trasferire sull'animale. Tra le narrazioni della mitologia figura quella di cui è protagonista Latona. La dea trasformò in rana i contadini di un villaggio della Licia, in Asia Minore, che le avevano negato un po' d'acqua per dissetarsi, dopo che aveva partorito Apollo ed Artemide, ed era giunta in quella località stanca ed accaldata per sfuggire alla gelosa Era.





 






nuove sezioni di Articoligratis.com : Annunci Auto