PERCORSO :
 Storia
  Arte
Attualita
Arte
Bolg
Blogs
Cinema
Costume
Economia
Edilizia aziende
Filosofia
Fitness
Geografia
Gossip
Hobbies
Informatica
Internet
Letteratura
Libri ed ebook
Meteo
Motori
Musica News
Oroscopo
Religione
Salute e Benessere
Scienze
Scuole
Sentimenti
Societa
Spettacoli
Sport
Storia
Tecnologia
Televisione
TveRadio
Umorismo
Viaggi
Directory
  Acquisti Online
Affari
Animali
Antiquariato
Arte
Arti Sceniche
Arti Visive
Casa
Computer
Consultazione
Danza
Fai da te
Giochi
Grande Fratello
Intrattenimento
Investimenti
Notizie
Salute
Scienza
Sport
Tempo Libero
 
 
 




Tutti gli articoli dedicati alla sezione

Il brigantaggio e nato da un sentimento di protesta contro i padroni piemontesi.
Rè Vittorio Emanuele II di Savoia scende alcuni gradini del trono e allunga la sua real mano per afferrare la corona di Rè d'Italia, Chi gliela offre? Il popolo: un umile pastore, una popolana in costume tradizionale, un bersagliere in divisa, un popolano scamiciato e in brache da lavoro, un austero e ricco personaggio che pare Cristoforo Colombo. E, dietro, un frate, uomini e donne vestiti come operai nei giorni di festa... Una scena del genere non si verificò mai: è un'invenzione del disegnatore. È intani assai dubbio che tutta quella gente fosse cosi entusiasta all'idea di consegnare a Vittorio Ema [ continua a leggere ]



Cosa c e dietro le Nazca Lines
La cultura Nazca abitava il Perù ed è una delle più celebri civiltà precolombiane, quei gruppi umani che poi le scorrerie dei conquistadores portarono alla pressoché totale estinzione. Le linee Nazca sono uno dei tanti misteri legati al mondo antico: si tratta di una serie di tracciati che si trovano nella parte sud del Paese e che occupano una superficie molto considerevole, di quasi 500 kmq. Se si procede ad una visita dall’alto, su uno dei molti aerei privati che offrono voli con guida, si possono ammirare un gran numero di queste Nazca Lineas (come le chiamano i locali) che sembrano rappresenta [ continua a leggere ]



Machiavelli Niccolo (Firenze 1469-1527) uomo politico e scrittore.
Machiavelli Niccolo (Firenze 14691527) uomo politico e scrittore. Segretario della cancelleria della repubblica, partecipò a varie ambascerie, dandone acute relazioni: Ritratto delle cose di Francia (1510), Ritratto delle cose della Magna (1512). Tornati i Medici (1512), dovette ritirarsi a San Casciano, dove scrisse le opere maggiori: Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio (1513) che, sulla scorta del testo liviano, esaminano lo stato repubblicano nella sua genesi, nelle sue trasformazioni e nella sua decadenza; il celebre trattato II principe (1513), dove è tratteggiata con realismo la figura del [ continua a leggere ]



II nazionalismo moderno in Italia
II nazionalismo moderno in Italia nacque e si sviluppò, come nella maggior parte degli altri Paesi europei, nella seconda metà dell'800. In particolare, nel nostro Paese, trovò una sua ben definita espressione politica nel Crispi e nei governi da lui presieduti che, non a caso, lanciarono l'Italia in una serie di avventure coloniali per altro conclusasi in modo disastroso con la rotta di Adua del 1896 e con l'avvicinamento agli Imperi Centrali ai quali l'Italia era unita dalla Triplice Alleanza. Si trattava di un nazionalismo aggressivo, colonialista ed imperialista, ben diverso dal nazionalismo romantic [ continua a leggere ]



I governi Giolitti: le principali riforme.
Giolitti fu un grande statista liberale che influì notevolmente sulla vita politica italiana del primo quindicennio di questo secolo, al punto che si suole definire comunemente tale periodo F'età giolittiana". Tuttavia bisogna precisare che Giolitti fu Presidente del Consiglio anche in altri due periodi della storia italiana; infatti egli fu presidente del Consiglio negli anni 189293, intervallando i governi Crispi, poi, come detto, è stato capo del governo, salvo brevi interruzioni, tra il 1903 e il 1914 e, infine, lo è stato per l'ultima volta nel 192021, negli anni tumultuosi del primo dopoguerra e d [ continua a leggere ]



IL MEDIO ORIENTE DOPO SHARON
L'uscita dalla scena politica del premier Israeliano Ariel Sharon, oltre a lasciare un vuoto incolmabile, lascia un'opinione pubblica che s'interroga sui destini di una terra che dovrà imparare a camminare, senza l'unico leader israeliano, sulla piazza dove egli stesso si è finora dimostrato capace di coniugare pace e sicurezza. Per molti israeliani, Ariel Sharon era l'unica figura politica contemporanea dotata della necessaria credibilità per raggiungere un accordo di pace coi palestinesi e per mantenere l'equilibrio dei rapporti internazionali con l'Occidente e il Medio Oriente. Ariel Sharon non è st [ continua a leggere ]



PAGINE : 1     2     



 






nuove sezioni di Articoligratis.com : Annunci Auto